L'UE era pronta a decretarlo nei prossimi giorni

Peste suina, scongiurato blocco export carni dalla Sardegna

Grazie alla mediazione della Regione, l'organismo comunitario ha deciso di prorogare la decisione che sarebbe stata presa martedì prossimo a causa della persistenza nell'Isola della peste suina africana

Peste suina, scongiurato blocco export carni dalla Sardegna

Peste suina, scongiurato blocco export carni dalla Sardegna

CAGLIARI - E' stato scongiurato il blocco totale delle esportazioni di carni e insaccati di suino prodotti in Sardegna che la Commissione europea era pronta a decretare nei prossimi giorni. Grazie alla mediazione della Regione, l'organismo comunitario ha deciso di prorogare la decisione che sarebbe stata presa martedì prossimo a causa della persistenza nell'Isola della peste suina africana. Il risultato positivo, sebbene ancora temporaneo - spiega in una nota la Regione - è l'esito dell'incontro di ieri tra a Bruxelles tra l'assessore regionale della Sanità Simona De Francisci, il commissario per l'emergenza della peste suina, il generale Gilberto Murgia, e i dirigenti Ue, con i quali è stato aperto un canale prioritario grazie anche all'intervento di Antonio Tajani, vicepresidente della Commissione europea, e del presidente della Regione, Ugo Cappellacci. Proprio Cappellacci e Tajani si tengono in contatto costante per seguire gli sviluppi della vicenda.

NUOVI STRUMENTI PER RISOLVERE L'EMERGENZA - I tecnici di Bruxelles hanno tenuto conto del piano e delle misure straordinarie, tra cui il recente decreto del presidente della Regione, la lotta al pascolo brado, il blocco degli indennizzi, l'intensificazione dei controlli e la sigla del protocollo d'intesa con le associazioni agricole, messi in campo negli ultimi mesi dalla Regione per debellare la malattia. L'assessore e il commissario Murgia hanno deciso di invitare in Sardegna, nei prossimi giorni, la Commissione e i rappresentanti del ministero della Salute, con l'obiettivo di studiare nuovi provvedimenti per risolvere l'emergenza.
Già lunedì in assessorato è stata organizzata una task force interna per definire il lavoro che sarà successivamente portato avanti con la Commissione e con gli altri attori, tra cui associazioni del mondo dell'agricoltura, le Asl con i Servizi veterinari, l'Istituto zooprofilattico della Sardegna, l'Anci, le forze dell'ordine e il Corpo forestale.